24 agosto 2008

Partenze e ritorni

Domani J parte per il suo monolocale lombardo.
Per darci il bacio di goodbye e di " buon ritorno " abbiamo scelto gli ulivi di Collevecchio.
Le colline ci parlano di quiete e di dolce attesa; seduti ai piedi di un albicocco ci siamo giurati ancora eterno amore. Dopo quattordici anni di matrimonio, non possiamo fermare la danza degli amanti e ogni separazione è un gioco per rincorrerci.
Lungo la strada sassosa e spesso arida del nostro andare, ogni giorno J mi ha lasciato, davanti alla porta di casa, un frutto buono e succoso, il sapore delle sue labbra.
Non c'è stato giorno, anzi, in cui non abbia raccolto un segno della fecondità della nostra terra comune.
Io e le ragazze torniamo al nostro lago e al nostro gineceo.
Sono cresciute in questo lungo anno, tuttavia ancora bambine: una storia di cambiamenti e insicurezze, un sentire da solitarie nonostante i molti piccoli amici e affetti.
Affronterranno la scuola, gli studi, i maschi e le paure che sanno di adolescente timidezza e desiderio di restare ancora e ancora nel sogno dell'infanzia.
Siamo cresciute in disparte in questi lunghi anni, ad aspettare il fiorire della strada e il ritorno di qualcuno che avesse storie da raccontarci, di viaggi e possibilità.
E sono cresciuta anch'io aspettando che il temporale della malattia passasse sopra la mia testa. Poi ho capito che avrebbe piovuto per molto tempo. Ho trovato riparo sotto l'ombrello dell'ora presente.
Ora J va via e noi restiamo non più ad attendere ma a costruire nuovi giorni: le radici di questa famiglia non verranno divelte dagli eventi.
La nostra casa è il luogo interiore in cui si è scelto di abitare e in cui si custodisce con amore benedicente il pensiero dell'altro.
Da questa casa J non è mai partito e la morte che ci guarda dalla soglia non osa entrare...
Della separazione dei corpi, imparo a non aver paura!
Buon viaggio dunque amore e buon ritorno, perchè sei già qui, il tempo di un respiro...

4 Comments:

Blogger digito ergo sum said...

che, davanti al potere dei sentimenti, a potere avere dei sentimenti, uno ci si commuove sempre. che, ad osservarlo bene, anche lo scondinzolare del cane è prova di amore incondizionato. perché l'amore dovrebbe essere sempre libero, profondo, sincero e incondizionato.
mille mila in bocca al lupo a te e a J.

25/8/08 19:33  
Blogger Angela said...

anche tu mi commuovi, grazie...

25/8/08 19:38  
Blogger cieloblu said...

Amare è passione,emozione,brividi,rispetto,si ama seza condizioni bello finchè dura,ma quando finisce...
Bellissima la tua storia,un vero grande amore.
A presto

25/8/08 21:16  
Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta said...

ho davvero le lacrime agli occhi. Stupendo questo post.

Ciao Angela. ti ammiro moltissimo.
Daniele

28/8/08 23:48  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home