31 luglio 2008

Fuori dal branco

Nonostante tutto, sono in pace.
Quando confronto le mie idee e le emozioni con l'uomo italiano che mi passa accanto e mi urla vetriolo con il suo menefrego, basta con questi immigrati, son tutti ladri, stiamo diventando poveri perchè mi devo preoccupare di loro, la sinistra non ha fatto niente, almeno la destra ci prova, almeno questo papa ci salva l'identità se no saremmo tutti talebani *ecc. ecc., ebbene, io sono in pace.
Il mio cuore è innocente: non mi hanno pervertito il cervello. I maestri della manipolazione genetica della coscienza non mi hanno ingoiato quel poco di lucidità che mi resta.
Il male lo vedo, eccome lo vedo: non riusciranno a farmi chiamare bene quello che bene non è.
Solo di questo sono sicura.
Quel rumeno morto di fatica, i due bambini gettati in acqua dalla barca della disperazione, i folli e i poveri che avanzano sulla terra italica degli inefficienti, degli incompetenti, delle pacche sulle spalle e la mano a far le corna dietro, terra di insulti e di sfregio...no, questa Italia azzurra ha un colore di putrefazione.
Non uomini ma zombi si aggirano tra altari e stanze del potere: sono morti. Li tiene in vita solo l'odio. Se non negano l'altro, non possono esistere.
Dietro le loro azioni si svela il vero: sono ombre.
Come per i Pirati della Maledizione della prima luna: bevono vino ma non sentono l'aroma, tengono in mano una mela ma non ne afferranno il sapore. Neppure il corpo di una donna, trattengono. Lo buttano come refurtiva, tra un scranno parlamentare e una televendita.
L'unico colore, odore, spessore che ricorda loro vagamente che hanno emozioni è denaro che puzza di discarica abusiva, di ecomostro, di grande opere, di finanziamenti militari, di fottutissime fortune private.
Da questa realtà, esserne esclusi è un segno di distinzione.
Io non lo voglio uno spazio in questa società.
Cammino in bilico, tra un insicurezza e un'altra, un presente in cui ancora vivo di lusso -mangio, dormo tra coperte morbide, sotto un tetto, -e un futuro in cui non vedo niente. Ma non baratterei niente in cambio per avere la sicurezza degli zombi.
Nel regno dei morti, non ci entro.
Sto fuori a soffrire la civiltà che è stata reale solo nel pensiero platonico dei filosofi: non accetto antidolorifici. I venditori di rosari e viaggi di fuga nell'aldilà hanno fatto contratti a lungo termine con la pirateria ufficiale: le chiese si riempiono, lo chiamano successo dell'oratore maximum. Io vedo la paura: non resta che vendersi l'anima e appellarsi alla speranza di un Dio ammiraglio che torni a guidare il destino degli eletti.
Invece mi tengo l'anima incollata a questo corpo perchè ho bisogno dei suoi occhi per amare, vedere, capire, ciò che è impossibile amare con gli occhi di carne.
Nonostante tutto, a dispetto di tutto, sono felice.
Vivo una felicità inquieta che ha scovato, cercato, dietro le false proiezioni di fantasmi e visioni, il vero, il reale il quale non illude ma libera.
Se anche io avessi una meravigliosa vita di sicurezze, se a me fosse garantita la pensione eccellente e un ruolo di emersione dai fondali dei miseri e dei perdenti, io godrei della pace degli zombi, oggi.
La mia felicità, invece, è sapere di essere esclusa, nell'Italia dei pirati, dall'allegria del loro banchetto.
Mi soffermo sullo sguardo sfigurato di una donna-zingara, amaro e cupo, trascinare il suo carrello vuoto, un gruppo di africani uscire come carcerati dalla fornace di un ufficio abbandonato, il silenzio schiacchiante di mio padre che ha conosciuto il falso benessere e muore svuotato di tasche e di sogni, i miei nipoti ventenni con lavori a progetto: questa è la mia umanità.
Io appartengo a loro.
Gli estranei, i senza terra, i diversi, i pericolosi sono al comando della nave.
La mia felicità è non aver dimenticato la mia identità di essere umano: tra le loro bestemmie e i loro bagordi non ho dimenticato che vivo.
Questa coscienza rode le loro viscere spente: questa consapevolezza dei vivi contro i morti, è il più efficace degli ammutinamenti!

* e aggiungo la vita è sacra, va rispettata fin dalla nascita, e altre ipocrisie

9 Comments:

Anonymous Anonimo said...

cara angela, finalmente sei tornata....leggo sempre con grande interesse quello che scrivi e mi trovo d'accordo con i tuoi pensieri. purtroppo non ho la tua fede. so solo che anch'io non mi riconosco piu' in questa società di pirati all'arrembaggio del potere materiale e sono talmente sfiduciata da pensare che purtroppo saranno loro i vincitori. Ma Dio dov'è?

1/8/08 09:59  
Blogger Angela said...

cara anonima, lasciami il nome appena torni...purtroppo non hai la mia fede??? cosa è la fede???
non oso insegnare nulla a riguardo, sento tuttavia che non posso negare l'annuncio che ho ricevuto: siamo figli di un Dio libero. Mi chiedi dov'è? Si è ritirato dalla creazione, come un amante si ritira dove l'amplesso creativo...siamo un'esplosione del suo amore. A noi ora la responsabilità di fare la storia e di creare...non lasceresti libero tuo figlio di esprimersi?
Quando verrà a fare giustizia?
Anch'io gli ho gridato tutto il mio dolore. Oggi credo che dietro la morte si nasconde una verità assoluta: chi ha amato davvero, ha conosciuto la vita. Per questo, per chi vive di se stesso e della sua ingordigia, ha già la sua ricompensa. Dimmi, i potenti italiani e del mondo ti sembrano uomini o bestie? Hanno già fallito. Sono coperti d'oro e di gloria: la sabbia si mangierà tutto. A loro, il destino della polvere. Tu non sai che luce ho visto invece negli occhi di coloro che amano perdutamente. Luce che tra i cristiani di oggi splende poco: questo è l'altro incommensurabile scandalo. Credo che tu abbia una grande fede perchè grande è la tua indignazione. Ti voglio bene, chiunque tu sia.

1/8/08 11:01  
Blogger Daniele Verzetti il Rockpoeta said...

Avere quest'anima "incollata" come scrivi tu, al corpo perchè hai "bisogno dei suoi occhi per amare" è qualcosa di sublime.

E' vero che questo nostro essere vivi in contrasto con il loro essere morti può essere importante, ma il problema è che la loro coscienza su quanto siamo pericolosi in quanto "vivi" potrebbe voler far scattare in loro il desiderio di annientarci.

La strada è ancora lunga temo....

Buone Vacanze Angela!
Daniele

1/8/08 11:20  
Blogger luposelvatico said...

Non ci schiacceranno mai. Noi sogniamo la luce, la felicità, la gioia. Non ci avranno.

1/8/08 13:10  
Anonymous Anonimo said...

Fuori dal branco non siamo pochi,cara Angela,dobbiamo solo con l'aiuto di Dio,resistere.
Grazie e buone vacanze!
aria

2/8/08 20:51  
Anonymous Aicha said...

Sento che il post che ho pubblicato ti prenderà dritta al cuore e per svariati motivi...
Stammi bene
Aicha

6/8/08 19:44  
OpenID millebolle said...

Cara Angela,

sottoscrivo ogni virgola di questo tuo scritto. Come è evocativo e come riesce a darti appartenenza, a farti sentire, non più un'anima persa nel vuoto dei sentimenti, un viaggiatore che poi tanto solitario non è.
Purtroppo quello che viviamo è il tempo degli uomini, fatto da sempre di piccole viltà, di insignificanti aspirazioni.
Ma il tempo degli uomini è fatto anche di persone come te, come noi, di grandi persone di cui andare fieri come essere umani, che ci hanno lasciato tanto e a cui dobbiamo tanto.
Penso ai miti della nostra giovinezza M.L. King, il Che, Ghandi, solo per citarne alcuni. Se l'uomo ha potuto toccare queste vette forse non tutto è perduto, forse abbiamo qualche motivo in più per essere comunque felici.
Ti bacio

7/8/08 00:46  
Blogger scrittrice75 said...

bellissimo angela.. davvero. Ma in fondo nella tua oratoria sento un fondo di tristezza. Vorresti che non fosse tutto così... in fondo la pensi come me, tutto ti fa schifo ma non riesci ad accettarlo.

11/8/08 09:27  
Blogger Angela said...

no, come può farmi schifotutto?...e il mio grande amore, le mie figlie, gli amici dall'anima candida, le notti d'estate al fresco a guardare le stelle, una fetta di cocomero???
no, resisto alla tentazione di credere al nulla...anche tu, mia omonima, porti nel cuore la speranza o non saresti qui a narrarci la vita!
baci

16/8/08 16:53  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home