25 settembre 2008

Libera

Era il mio anniversario di matrimonio, ieri.
Né io né J ce ne siamo resi conto, di giorno; abbiamo brindato la sera-tra la mestizia- a distanza, lui nel monolocale e io qui: ci amiamo e chissenefrega delle date.
Ogni giorno celebriamo l'incontro...
Eppure, ieri sera, mi è calata addosso una malinconia profonda.
Non l'ho mai scritto, nè mai detto ad alta voce ma un demone si è incastrato da settimane tra i miei pensieri, in entrata e in uscita, e ne ha bloccato il flusso e l'energia. Si chiama: paura di morire.
Il cancro gli dà pane per i suoi denti.
Non aspetta altro, che si affacci la più remota possibilità di un ritorno metastatico della fine, per mettersi a soffiare nelle orecchie e nell'anima, nell'inconscio e nel subconscio, dovunque passi aria, fantasmi e realtà: sei in pericolo di vita...
Giuro che ho avuto paura per giorni.
Non ho vissuto abbastanza per capire quanto fosse importante la vita e quanto fosse meraviglioso amare e perdersi.
L'ho capito ora, nei miei quarant'anni, che vivere è un'esperienza straordinaria quando si ha il coraggio di lanciare la propria storia nel mondo, giocarsela tutta, abbracciando ogni evento e incontro come luoghi di rivelazione del mistero di esistere.
Solo oggi, in questa epoca difficile, la mente si è aperta a comprendere che c'è un solo tempo e un solo spazio da vivere ed è quello a cui si è chiamati, quello in cui ci si trova.
Ora: c'è tanto bisogno d'amore, nel punto esatto dove sto e non altrove.
E dunque sento l'ansia di portare ad un risultato e nella pienezza questa intuizione ma ogni giorno mi sembra così incompleto, fragile, spezzato...vorrei vivere ancora e ancora per capire meglio, amare meglio.
Provo tenerezza per l'uomo e la sua infelicità: non può non esistere un Dio che non abbia compassione della dignità ferita degli esseri viventi!
Ma ecco, che mentre arretro ammutolita di fronte al demone pragmatico e impietoso, mi giunge da un'altra parte una voce di stella, una luce di una persona che ha camminato già mille secoli e porta un dono: mi invita a non avere paura, a guardare alto, a rivolgere il pensiero alle donne dell'Africa, con la loro testa dritta "consapevoli di portare sulle spalle i sogni dei popoli".
Oh sì, quel femminile superiore all'animale, quell'essere coraggioso che porta maternità e vigore!
Bisogna resistere in nome di tutti coloro che resistono.
Le prendo per mano le donne africane, oggi: se mi unisco al loro cammino non mi perderò nel deserto.
Torno così al mio lavoro e al mio quotidiano senza angoscia.
Il demone è uscito con una pedata: i poveri della terra lo hanno cacciato via dalla mia mente. Sfoglio tra le righe di Negrizia e Combinifem le vite di persone che vanno oltre la paura e la sconfitta.
Come risposta al fantasma minaccioso, andrò a cercarmi il coraggio tra le file della Carovana della Pace che giungerà a Roma tra una settimana e mi ricorderà che le paure personali se gettate nella patena del mondo, diventeranno comunione e unione con il sangue di tutti.

Ogni cosa che riceviamo ci viene donata perchè la si possa donare, nella forma in cui ne siamo capaci. E il dono, il grande dono che ci è dato è la Vita perchè a nostra volta ne si faccia dono...
(Milena Carrera-Pellegrinaggio al Kailasa-Servitium)

10 Comments:

Anonymous Daniele Verzetti, il Rockpoeta said...

Angela, ti abbraccio forte. Il tuo coraggio come monito ai vigliacchi senza spina dorsale.

Un sorriso amico per dirti grazie per questo tuo blog e per la nostra amicizia.

Daniele

25/9/08 16:36  
Anonymous Anonimo said...

Un sorriso e un abbraccio.
aria

25/9/08 19:15  
Blogger digito ergo sum said...

non aggiungo altro. perché è perfetto così e un mio commento rovinerebbe la magia. un abbraccio, se mi consenti, te lo lascio.

25/9/08 19:52  
Anonymous cometanera said...

Angela, oggi il sole sembra avere un aspetto più bello... la nebbia di questi giorni è sfumata. Avanti quindi... l'orizzonte ci attende e a noi è richiesto di Esistere e Resistere. Buon fine settimana

27/9/08 11:52  
OpenID ciclofrenia said...

Ciao!

Bel blog, che ne dici di fare scambio di link?

Fammi sapere sul mio blog o alla mia mail (ciclofreniaCHIOCCIOLAgmail.com)!

Un saluto.

29/9/08 14:44  
Blogger Antonio Candeliere said...

La cosa bella che c'è in te è quella di dare forza anche a chi crede di averne tanto. Buona giornata e grazie.

30/9/08 09:26  
OpenID ciclofrenia said...

Ciao!
Ti ho già linkato, fammi sapere quando l'hai fatto anche tu!
Un saluto,
C.

30/9/08 17:30  
Anonymous Aicha said...

il tuo essere donna è fuori da ogni definizione... tante sono le parole che vorrei scriverti per manifestarti tutta la mia ammirazione... ma lascio che siano i tuoi pensieri a colmare i miei silenzi...
Ti abbraccio forte
T.

30/9/08 19:59  
Blogger marina said...

Ti abbraccio e mi porto via la nota vibrante di vita che il tuo post emana
grazie, marina

1/10/08 08:41  
Anonymous laVale said...

Sei il mio solito angelo :)

1/10/08 21:31  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home